La religiosità aiuta i pazienti sottoposti a un trapianto
di fegato a sopravvivere più a lungo e meglio

 MILANO – Pregare e avere fede in Dio allunga la vita. Non si sa se ciò avvenga per diretta intercessione dell’Altissimo; da quel che è possibile valutare coi mezzi terreni, però, il solo fatto di affidarsi a Dio riscoprendolo anche nella malattia aumenta la sopravvivenza di pazienti sottoposti a un trapianto di fegato. Lo hanno dimostrato alcuni ricercatori dell’Istituto di Fisiologia clinica delCNR di Pisa, con uno studio pubblicato di recente sulla rivistaLiver Transplantation.

(per leggere l’articolo intero a firma di Elena Meli clicca qui)

 

 

 

Clicca qui per leggere l’articolo

 

Di News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.