Come Godere le Cose Migliori della vita!

Sviluppo Personale

La poesia della vita, da un grande scrittore motivazionale: Norman Vincent Peale.

[…] Quando era sul punto di morire, la signora Ramsay MacDonald, moglie di un ex Primo Ministro inglese, chiamò il marito al capezzale per rivolgergli le ultime parole: “Mantieni la poesia nella vita dei nostri figli”. Un messaggio d’addio veramente solenne che, se ci riflettiamo, è anche molto saggio.

 

Questa madre sapeva, come sanno tutti coloro che meditano seriamente sul valore della vita, che gli anni che passano hanno un tremendo impatto sull’uomo e sul suo spirito, privandolo, se non fa attenzione, di ogni poesia. Disse una volta Napoleone: “Sul campo di battaglia si invecchia precocemente”, e lo stesso accade nella vita, a meno che non si vigili con cura. Ha scritto Charles Lamb: “Il nostro spirito diventa grigio prima dei capelli”. Da giovani, non si vede l’ora di cominciare a vivere e si guardano dall’alto in basso gli anni che dovranno venire; ci si getta instancabilmente nell’avventura ma, prima ancora di aver percorso un lungo tratto di strada, la vita ci sferra dei colpi, spesso temibili. Allora, si dispiegano le ali, che a volte però si dimostrano inadeguate; alcuni dopo qualche delusione, rinunciano tristemente ai sogni e trascinano i piedi su un sentiero da cui hanno eliminato ogni poesia. Questa è una delle cose più amare che possa capitare a una persona: perdere il gusto e l’eccitazione della vita.

 

Esiste un modo infallibile per capire se si è vecchi: quando alla mattina vi svegliate, qual è il vostro atteggiamento mentale? La persona giovane si desta con uno strano senso di eccitazione, una sensazione che non è in grado di spiegare ma che equivale a questa frase: “Oggi è il grande giorno, quello in cui accadrà la cosa meravigliosa”. Un individuo vecchio, a prescindere dall’età, si alza con la mente ottusa, non aspettandosi nulla o alcunché di speciale dalla giornata. Per lui, quel giorno sarà simile a tutti gli altri e forse spererà solo che non sia peggiore. C’è della gente che conserva un giovanile spirito di aspettativa anche a settant’anni. In effetti, l’età si misura dalla capacità di mantenere la poesia nella vita.[…]

 

[…] La poesia della vita è una cosa talmente preziosa che perderla è una grande tragedia, la più grande di tutte. Sebbene si possano acquisire ricchezze, onori e fama, la vera gioia della vita non risiede in questi beni, ma nel conservare la voglia di vivere. Non c’è nulla che infonde una felicità così profonda e completa quanto il mistero e la meraviglia di una vita eccitante perpetuamente rinnovata.[…]

(Norman Vincent Peale)

 

1 Comment

  1. anna rita colapicchioni
    20 settembre 2010, 19:52

    E’ un pensiero meraviglioso. E’ vero, quando ci svegliamo con l’energia a mille, siamo bambini,entusiasti a vivere una giornata all’insegna del buon umore!
    Oh… che gioia infinita potremmo provare, soltanto se il termometro del nostro umore rimanesse costante su questa onda!
    Grazie di avermi ricordato, di ricordarlo ogni giorno della mia vita!!!

    Un abbraccio.
    Anna Rita

Lascia un Commento